Fermo macchina industriale : Come faccio ad evitarlo?

Al momento stai visualizzando Fermo macchina industriale : Come faccio ad evitarlo?

Due parole che fanno rabbrividire il 96% degli imprenditori del settore industriale (e non solo): Fermo Macchina.

In fermo macchina è quel periodo agghiacciante in cui un macchinario, un dispositivo o un impianto non può essere utilizzato perché malfunzionante o addirittura danneggiato, causando seri danni alla produzione e all’immagine dell’azienda.

Nel caso dei fermi macchina (o downtime) industriali, recuperare diventa ogni minuto più costoso. Dopotutto, non per niente dicono che “Il tempo è denaro”.

Sarebbe come avere finalmente Michael Jordan in squadra, ma non poterlo mettere in campo perché si è infortunato. E durante il suo periodo di recupero la squadra continua a perdere punti, e recuperare sarà ogni minuto più difficile.

Ma quanto costa ad un’azienda un fermo macchina? Quali sono le cause principali dei fermi macchina industriali? E soprattutto, cosa si può fare per prevenire il problema?

Senza perdere altro tempo, direi di cominciare.

Fermi macchina: perché accadono?

I fattori che portano ai fermi macchina sono molteplici, e dipendono dal settore e dai processi aziendali in questione. Secondo un report pubblicato da Quorum (2013) le cause dei fermi macchina si possono raggruppare in 4 categorie principali:

  1. Malfunzionamenti hardware
  2. Errori umani
  3. Malfunzionamenti software
  4. Cause di forza maggiore

Come sottolineato da questo report, i guasti hardware sono al primo posto della classifica, rappresentando il 55% delle cause che incidono sui fermi macchina delle piccole e medie-aziende. Il fattore umano è al secondo posto (22%) seguito dai malfunzionamenti a livello software (18%). Le cause di forza maggiore, quegli avvenimenti che sono fuori del nostro controllo come ad esempio alluvioni o terremoti, influiscono soltanto per il 5%.

Sono dati che fanno riflettere: i fermi macchina sono veramente al di fuori del nostro raggio d’azione solo per il 5% delle volte. Per tutte le restanti 95, si possono intraprendere delle azioni proattive per evitare il problema dei fermi macchina industriali, invece che limitarsi a intervenire soltanto quando il problema ormai si è già presentato.

Anche perché intervenire reattivamente sui fermi macchina costa molto di più che agire proattivamente. E a questo punto la domanda sorge spontanea…

Quali sono i costi del fermo macchina per un’azienda?

Anche qui, si possono fare solo considerazioni di carattere generale, che servono a dare più una stima che una cifra precisa. Ogni azienda risentirà dei fermi macchina in maniera diversa, a seconda del settore, tipo di business e struttura interna.

In generale, comunque, le aziende possono arrivare a perdere in media fino a 300mila dollari per ogni ora di fermo macchina (Lerner, 2014).

Se all’inizio può sembrare una stima esagerata (tenendo presente che comunque è un dato che riguarda le aziende di dimensioni medio-grandi), diventa più realistica se consideriamo tutti i costi causati dal downtime del macchinario o impianto:

  • Riduzione o interruzione della produzione / erogazione del servizio
  • Costo collo di bottiglia (gli impatti sui macchinari a valle nelle fasi di produzione successive)
  • Vendite perse
  • Costo di assistenza (consulenza durante il periodo di fermo)
  •  Costi di riparazione (inclusi test e spese di spedizione)
  • Costi di riavvio dell’impianto

A questi vanno aggiunti anche i costi indiretti: tutti quei danni non tangibili nell’immediato, ma che causano altrettante perdite nel lungo termine.Sto parlando dei danni all’immagine aziendale.

Come potrebbero reagire i tuoi clienti se devi ritardare la consegna di un ordine che aspettavano urgentemente a causa di un fermo macchina?

Molto spesso, poi, le tempistiche di un fermo sono estremamente variabili: può capitare che ad una prima valutazione il problema possa risolversi nel giro di un paio di giorni, quindi chiami il cliente per rassicurarlo che la situazione è sotto controllo, ci sarà un ritardo sì, ma breve. Poi però insorgono altre complicazioni, l’assistenza ci mette più del previsto, e ti ritrovi con il macchinario ancora fermo e il cliente in linea che aspetta una soluzione.

Se succede con un cliente di lunga data, che ne è della fiducia che ha riposto da tempo nella tua azienda? E se capita con un nuovo cliente (che magari hai fatto anche fatica ad acquisire), che pubblicità potrebbe fare della tua società?

È tutto un effetto a catena, che rischia di farti perdere altri potenziali clienti ancora prima di aver fissato una call conoscitiva.

Fermi macchina generati da un PC non adeguato

Come abbiamo visto poco fa, i malfunzionamenti a livello hardware rappresentano più della metà degli eventi che causano fermi macchina industriali alle aziende di piccole-medie dimensioni. Specialmente per un’azienda che opera nel settore industriale, i PC utilizzati per monitorare la produzione o quelli integrati all’interno di macchinari, sistemi IoT o soluzioni digital signage sono un elemento di cruciale importanza.

Se il PC subisce un danno, tutta l’attività ne risente, e abbiamo già visto cosa comporta a livello di costi per l’azienda.  

Ma in che modo un PC non adeguato può causare un fermo macchina industriale?

  • Un PC non fanless in un ambiente sporco o umido può risucchiare al suo interno polveri, residui di produzione o umidità che vanno a danneggiare le ventole e le componenti interne. Risultato: danneggiamento del PC + blocco macchina industriale.
  • Un PC senza range di temperatura esteso utilizzato in ambienti estremamente caldi o freddi porta all’overtemperature protection e al malfunzionamento del PC. Risultato: danneggiamento del PC + fermo macchina industriale.
  • Un PC con hardware non idoneo per l’operatività h24 si usura più rapidamente (rispetto agli industriali) con il rischio che si guasti durante una sessione di lavoro e che tutti i dati (o progressi) vengano persi.
  • Le tempistiche per l’assistenza in caso di guasti vanno dai 15 giorni alle 4/6 settimane (considerando tempi di spedizione, dogane, ecc., e in questo periodo di shortage i tempi si dilatano ancora di più). Prova ad immaginare avere la produzione o un macchinario fermo per tutto questo tempo…

Evita i fermi macchina grazie ai PC industriali Kimera

A questo punto, visto tutto quello che c’è in ballo, perché aspettare che si presenti il fermo macchina e pagarne duramente le conseguenze?

  1. Grazie ai PC industriali di Kimera Computers potrai risolvere la situazione in maniera proattiva, evitandoti spese, perdite di tempo, lamentele, ed emicranie. Come?
  2. I nostri PC industriali sono studiati e realizzati appositamente per garantire operatività h24, anche nei contesti più gravosi.
  3. L’hardware dei PC Kimera è hardware industriale testato e idoneo per l’operatività industriale.
  4. Tutti i nostri PC sono progettati e realizzati nel nostro laboratorio in Italia: non vengono prodotti in serie, ma a seconda delle specifiche esigenze del cliente. Questo assicura che il computer non sia né sotto- né sovra-dimensionato, disponendo delle funzionalità e caratteristiche che servono per soddisfare le precise richieste del cliente ed operare al massimo delle prestazioni nel suo ambiente di lavoro. Nulla di più, nulla di meno.
  5. Ad oggi, la percentuale di resi per riparazione/sostituzione dei nostri PC rispetto al totale di quelli prodotti è sotto l’1,9%.
  6. In caso di assistenza tecnica, riavrai il tuo PC riparato/sostituito in 3 giorni lavorativi in media.

Puoi scoprire tutti i nostri modelli cliccando qui.

“Chi ha tempo non aspetti tempo” dicevano … quindi non aspettare di dover gestire un fermo macchina e agisci ora per mettere al sicuro la tua produzione e prevenire ogni complicazione! Con i proverbi a tema tempo per il momento credo di aver finito.

Non rischiare un fermo macchina per colpa di un PC difettoso! Contattaci ora per un preventivo gratuito:

CONTATTACI

Lascia un commento